Club Scherma Osimo

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Dopo Riccione

E-mail Stampa PDF

A BOCCE FERME


“Penso che sia necessario educare le nuove generazioni al valore della sconfitta. Alla sua gestione. All'umanità che ne scaturisce. A costruire un'identità capace di avvertire una comunanza di destino, dove si può fallire e ricominciare senza che il valore e la dignità ne siano intaccati...”

In un'annata finita senza acuti, mi vengono in soccorso queste belle parole che circolano in rete, attribuite (probabilmente erroneamente) a Pierpaolo Pasolini. Di chiunque sia la paternità (o maternità) condivido in pieno il loro senso.

Non parlerò quindi dei singoli, non elencherò vittorie che pur ci sono state, o le cifre dei vari ranking che pure parlano della bontà della squadra, ma mi rivolgerò a tutti.

Siete stati in gamba, l'impegno è stato costante, ognuno ha dato il meglio di sé e questo è ciò che più conta.

In una stagione lunga e dura come la vostra, ci sono sempre momenti belli, dentro e fuori della pedana, momenti di gioia che continuerete a ricordare, così come ci sono momenti duri, scontri feroci con la realtà che non fa sconti che vi faranno star male.

L'equilibrio dipende dal metro che usate.

Non sempre, pur preparandosi nel migliore dei modi, le cose vanno come si vorrebbe. Bisogna arrivare al massimo della forma e della convinzione al momento giusto (quest'anno diversi di voi hanno dovuto combattere con incidenti e acciacchi vari) e insieme a questo, avere quel pizzico di fortuna che non guasta.

Nelle vittorie conservate l'umiltà e nelle sconfitte non demoralizzatevi, mostrate comunque orgoglio e dignità perchè lo sport non è mai una guerra, ma un sano confronto e una sfida, soprattutto con se stessi e i propri limiti.

IN SALA SCHERMA CON ELISA VARDARO

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Maggio 2016 18:36
 

aprile '16

E-mail Stampa PDF

PICCOLI E GRANDI OK

 

Dopo una Coppa Italia Cadetti avara di soddisfazioni per i nostri colori, la penultima tappa del Trofeo Regionale Esordienti – Prime Lame (Ancona 17 aprile) ci porta in dote ben due medaglie: l’oro nel fioretto di plastica cat. E grazie all’affermazione di Giusy Natuzzi e l’argento di Valentina Lucchesi nella cat. Prime Lame ormai decisamente pronta per il prossimo anno all’esordio in campo nazionale.

Nel weekend appena trascorso, invece, le ragazze del club (Eleonora Ricciotti, Alessia Magnanini e Lavinia Conte) con una condotta di gara accorta hanno confermato senza grossi problemi a Caorle la loro presenza in serie B1 di fioretto. Per fare il gran salto di categoria sarebbe stata necessaria l’esperienza di Violetta Piergiacomi, invece assente. Peccato, sarà magari per il prossimo anno.

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Aprile 2016 09:07
 

arezzo 2016

E-mail Stampa PDF

IL CLUB SCHERMA OSIMO TORNA A

RUGGIRE

 

Dopo un inizio di anno difficile tra assenze per infortunio e risultati che non erano venuti, tornano a ruggire i nostri atleti. Da Arezzo terza e ultima tappa Interregionale torniamo con due argenti che fanno ancora una volta del nostro piccolo club la punta più avanzata del movimento schermistico marchigiano nel settore under 14.

E' stata per noi una due giorni molto positiva per vari motivi:

1 - abbiamo ritrovato Camilla sul podio al suo primo torneo dopo lo stop forzato (rottura di tibia e perone) come se nulla fosse successo, questo la dice lunga sulla tempra e la sicurezza della ragazzina: tutte vittorie per lei, dai gironi alle dirette, fino alla finale persa per 10-7 contro la forte pisana Bertini

2 - abbiamo ritrovato sul podio anche Benedetta, dopo un periodo di leggera flessione, con la convincente vittoria sull'attuale n. 1 e campionessa italiana uscente, la pratese Becucci, battuta con un netto 15-6 in semifinale

3 - abbiamo visto Giacomo battersi finalmente alla pari con avversari più quotati e restare calmo e concentrato come un veterano (la sconfitta subita per 15-12 contro l'ottimo Ricci di Lucca speriamo sia la testimonianza di una sua maturazione)

4 - abbiamo visto Ludovica ben comportarsi nel girone e poi giocarsela con entusiasmo contro la forte Pierini, più grande di un anno e meglio posizionata nel ranking.

5 - abbiamo ritrovato in pedana anche Angela dopo il lungo infortunio al piede (altra frattura) in costante ripresa nonostante il dolore ancora presente (nel pre-gara è dovuta ricorrere alle cure mediche).

Un grazie come sempre va ai nostri maestri, l'encomiabile Eleonora presente in entrambe le giornate e Giorgio con cui ha diviso le fatiche del fondo pedana nella prima giornata.


GIORGIO E LUDOVICA: I BUONI CONSIGLI DA FONDO PEDANA

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Aprile 2016 20:58
 

elisa vardaro

E-mail Stampa PDF

GRAZIE, CAMPIONESSA


Nel periodo pasquale il nostro Club Scherma ha ricevuto la gradita visita di Elisa Vardaro, fiorettista di valore assoluto e atleta della Nazionale, nonché amica della nostra maestra Violetta Piergiacomi, che è anche riuscita a ritagliare un pomeriggio per tirare con i nostri ragazzi. Alla fine dell'allenamento Elisa si è gentilmente prestata a raccontarsi e a rispondere a qualche nostra domanda.

I- Cos'è per te la scherma, Elisa?

E- La scherma è tutta la mia vita. Ho iniziato a 6-7 anni e quindi sono 21 anni che la pratico. E' la mia grande passione e, per fortuna, è anche diventato il mio lavoro. In realtà il mio primo sport è stato il pattinaggio artistico al quale sono stata avviata dai miei genitori a 2 anni e mezzo, ma non mi piaceva ed ho chiesto ai miei di cambiare sport. La scherma è stata per me un colpo di fulmine, ricordo ancora le sensazioni provate il mio primo giorno di palestra. Ho cominciato da subito a vincere gare, ma accanto a questo, anche l'ambiente è stato importante: c'erano un sacco di bambini all'epoca nella mia società a Foligno ed eravamo un gruppo affiatato. Dopo le scuole superiori ho deciso di trasferirmi a Terni dal maestro Giulio Tomassini per continuare a fare fioretto ad alti livelli. Dopo due bronzi, uno nel Campionato Italiano Cadetti (2005), l'altro in quello Giovani (2008), nel 2009 ho vinto i Campionati Italiani under 23. Poi l'ingresso nella cat. Assoluti dove inizialmente ho fatto un po' di fatica, i risultati non arrivavano, ma non ho mai mollato ed ho sempre creduto in me stessa. Oggi faccio parte del Gruppo Sportivo Aeronautica e quest'anno ho avuto belle soddisfazioni in Coppa del Mondo con un 16° posto al Grand Prix di Torino.

I- Quali consigli daresti ad un giovane che, come i nostri, pratica scherma?

E- Un'ottima definizione per la disciplina della scherma è “partita a scacchi con i muscoli”, perchè l'aspetto mentale e quello tattico sono importantissimi. Ma la prima cosa che consiglio ad un ragazzo è di divertirsi in pedana. Ancora adesso, vedo che quando per qualsiasi motivo non mi diverto, mi pesa l'impegno ecc., poi tiro male e perdo. La scherma dà ai ragazzi un'ottima disciplina e anche dalla sconfitta si può e si deve imparare. Poi, quando l'incontro è finito, si saluta e si stringe la mano all'avversario. E' una regola molto importante, che altri sport non hanno. L'ultima cosa, come dicevo prima, è non mollare mai.

I- E ai genitori?

E- Seguire i propri figli ad una certa distanza, rispettando il proprio ruolo, quello dell'atleta e quello del maestro, senza invasioni di campo. I miei hanno fatto così.

I- Cosa farai da grande?

E- Intanto mi sono laureata in Scienze Politiche e sto facendo il biennio di Specializzazione. Mi piacerebbe fare l'Ambasciatrice, lavorare nelle Relazioni Internazionali. Inoltre mi piace insegnare scherma, quando posso a Terni tiro con i più giovani e provo a dar loro dei consigli.

I- Grazie Elisa della tua simpatia e della tua disponibilità

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Aprile 2016 20:49
 

apollino '16

E-mail Stampa PDF

APOLLINO D'ORO 2016


Anche quest'anno il Club Scherma Osimo era presente alla cerimonia di premiazione per le civiche benemerenze sportive, con vari atleti e soprattutto le due vicecampionesse nazionali, Camilla Vaccarini e Benedetta Barbetti.

Intanto sul fronte del fioretto di plastica febbraio conferma il mese precedente con Giusy Natuzzi di nuovo seconda nella prova di Senigallia e Valentina Lucchesi terza nella cat. Prime Lame.

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Febbraio 2016 16:48
 


Pagina 7 di 24

Official Partner

Riviste

Link utili

 7 visitatori online
Tot. visite contenuti : 153117

ACCESSI DAL MONDO

Locations of visitors to this page

ORARI SALA SCHERMA

stagione agonistica 2020/2021

Esordienti / Fioretto di Plastica

LUNEDI 17:00-18:30 (scherma/gioco scherma)

MERCOLEDI 17:00-18:30 (scherma/gioco scherma)

GIOVEDI 17:30-18:30 (preparazione atletica)

Pre-agonisti / Prime lame

LUNEDI 18:00-20:00 (scherma/gioco scherma)

MERCOLEDI 18:00-20:00 (scherma/gioco scherma)

GIOVEDI 17:30-18:30 (preparazione atletica)

Under13

MARTEDI 17:00-19:45 (scherma, tattica, preparazione atletica)

MERCOLEDI 18:30-20:30 (scherma)

GIOVEDI 18:30-20:30 (preparazione atletica)

VENERDI 18:00-20:00 (scherma)

da Allievi ad Assoluti

LUNEDI  18:30-20:30 (scherma)

MARTEDI  18:00-20:45 (scherma, tattica, preparazione atletica)

GIOVEDI  18:30-20:30 (preparazione atletica)

VENERDI 18:30-20:30 (scherma)

Login